domenica 19 febbraio 2017

Stessa città, altro quartiere

 Stessa città, Roma, altro quartiere e risultato diverso rispetto a ieri. Stamattina ho testato la via Appia e in due ore ho accumulato facce di persone che mi ignoravano (non guardarlo, altrimenti l'accattone cercherà di impietosirti); qualcuno mi ha studiato per qualche metro cercando di capire cosa combinavo per strada con una macchina da scrivere e io: Ciao. E in risposta: Silenzio. E tu a chiederti: Che siano le occhiaie con cui mi sono svegliato? Che sia il ciuffo di capelli fuori posto a farmi sembrare un disgraziato? Boh. Oggi pomeriggio torno in via Ojetti a racimolare sorrisi e spacciare draghi e tautogrammi.

sabato 18 febbraio 2017

Baggianate a Dribbling

Se mi sono appassionato al calcio, è grazie a lui.
 Se mi sono appassionato ai libri, è grazie a lui.
 Eroe moderno, glorioso e fragile; nel 1994 dal nulla si sveglia e a due minuti dalla fine del mondo mi ricaccia indietro le lacrime. Poi quel rigore da cui parte il mio regalo di Natale del 2001: il romanzo di formazione che ha fatto nascere in me un lettore.
 Oggi #Dribbling dedica a lui la puntata; stavolta il #tautogramma è indegno, con la B è stata dura, ma in fondo è normale riferendosi a lui sparare delle baggianate.
 Su Rai 2 alle 13:30. 50 anni di Roberto Baggio.

giovedì 16 febbraio 2017

Scrittori all'università

Nella foto, italiani all'università Montaigne di Bordeaux a parlare di scrittura e viaggi.
Il nostro motto: Per quanto schifo faccia, ci si affeziona alla propria faccia.

venerdì 10 febbraio 2017

San Valentino a Bordeaux

Mi dicono che festeggerò San Valentino in Francia, all'Università Montaigne di Bordeaux, parlando di scrittura e viaggi.

domenica 5 febbraio 2017

Dribbling, puntata del 4/02/2017

#Tautogramma in G
 
Gullit: giocatore glamour, grondante gusti giamaicani, generava gossip giornalistici giustificati? Glissiamo, gentilmente.
Gioverebbe gingillarsi giudicandolo? Giammai, garbata gente.
Guardiamolo gareggiare: gestiva gambe grossissime, galoppava giganteggiando, gladiatorio; garantiva gol, geometrie geniali, giravolte, guizzi. Gradinate gremite gli gridavano: Grande!
Galliani galvanizzato gongolava gustandoselo, Genova gioiva godendosi giocate galattiche.
Gullit guadagnò grana, gloria, gattemorte, gallinelle.
Gulp!
Graziami, Gullit, giornalmente griffo goffe gaffe!

sabato 4 febbraio 2017

Writing in the rain

 Hai tempo fino all'una, mi avvisa Meteo.it.
 Un'ora e un tot, mi dico, me la farò bastare.
 Nessuno si ferma la prima mezz'ora, intanto scende qualche goccia, in anticipo; come tante vergini suicide si buttano giù e si spiaccicano sulla Olivetti, sullo schermo del Nokia, sui fogli: le parole scritte diventano sfocate ma a essere miope è stato Meteo.it: sono le 12:30!
 Una signora mi si avvicina, proprio mentre medito la fuga. Che fai, mi chiede. Glielo racconto e un drago vola via, mi posso accontentare, inizio a raccogliere i tautogrammi e mi telefonano, la pioggia aumenta, devo chiudere la conversazione, poi di colpo tutto smette; una seconda signora mi copre con l'ombrello e tira su un drago, lo sfoglia, sorride e annuncia: Lo prendo!
 Due per stamattina sono sufficienti, buon sabato!
 (consigli su luoghi al chiuso per spacciare draghi oggi pomeriggio a Roma?)